Blog

La lezione di Cochise

E’ morto al caldo, in un letto, ed è qualcosa.
Avevo diciotto anni la sera in cui lo incontrai e imparai qualcosa su come si affrontano certe cose; fresco di patente e col carico leggerissimo della mia età, appena uscito da un locale vicino alla Gran Madre, stavo andando a riprendere la macchina di mia madre quando vidi un ragazzo accasciato sui gradini della chiesa. Accanto a lui c’era Sergio ‘Cochise’, che mi disse di sbrigarmi, perchè il ragazzo era in overdose. Lo disse con calma, ma fermo, e con altrettanta fermezza mi chiese di tornare lì, dopo, e io lo feci nonostante la paura e l’evidente impreparazione. Rimanemmo lì fino all’arrivo dei soccorsi; poi mi diede una pacca sulla spalla, e se ne andò per la sua strada.
Mi ricordo quegli occhi calmi, credo mi abbia insegnato qualcosa.
Riposa in pace.

CC BY-NC-ND 4.0 La lezione di Cochise by Collateralmente is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

1 pensato per “La lezione di Cochise

  1. Chiunque abbia bazzicato un minimo la zona non può non ricordarselo. Io me lo ricordo lì da sempre,era parte integrante della piazza e (come tutti i "personaggi" fuori dagli schemi) su di lui fiorivano leggende R.I. P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.