All eyes on Rafah

l’immagine, il segnale, il messaggio, chiamatelo come volete sta circolando assai in rete [no, virale non lo riesco a dire]. Se ne discute animatamente ovviamente polarizzando i pareri e le persone.

Due i partiti:

  • Il partito del ‘È giusto, è un segnale, è un modo per attirare l’attenzione [il bene più prezioso di questi tempi]
  • Il partito del ‘È una cagata che serve solo a pulirsi le coscienze, costa poco, fa fine e non impegna’.

Mi iscriverei al terzo partito, qualora ci fosse, dopo avere per tanto tempo militato nel secondo.

Cosa sposta ‘All eyes on Rafah’? Nulla, temo. Cosa può fregare ai disperati che cercano di sopravvivere alle bombe israeliane di una grafica rimbalzata sui social occidentali? Immagino niente.

Però c’è qualcosa d’altro che va letto in questo messaggio. Intanto 40 milioni di persone [ad oggi] lo stanno condividendo; sono tante? Sono poche? Non lo so, però proprio poche non sono. Poi: quanti di questi 40 milioni erano anche solo vagamente informati della causa palestinese? Forse adesso quei pochi lo sono un poco di più? È comunque una speranza: piccola, infinitesimale, ma una speranza.

Il mio terzo partito contiene le domande senza avere risposte: quanti di quelli che contestano il messaggio hanno alternative? Voglio dire: tu che critichi il messaggio cosa stai facendo di concreto per gli abitanti di Rafah? Perché se stai facendo qualcosa di reale allora mi inchino e ti dico che hai ragione, ma se è il contrario non stai nemmeno mandando il messaggio, ti indigni sprezzante e poi torni a fare altro.

Il mio terzo partito è fatto di domande come: cosa posso fare concretamente per dare una mano? Come si può sensibilizzare realmente una persona che fino a ieri pensava che Rafah fosse un piatto etnico? Quale azione reale e non accademica si può mettere in campo per fermare un massacro che pare destinato a spazzare via un’intera popolazione?

Se avete risposte, ascoltiamo con attenzione.

Nel frattempo, anche noi di Collateralmente invitiamo a dire ‘All eyes on Rafah’

CC BY-NC-ND 4.0 All eyes on Rafah by Collateralmente is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.