Blog

Caffè corretto pacificazione [Ovvero che ci faccio qui con te?]

E’ molto semplice, un episodio banale che però ma mi ha fatto riflettere sul significato di ‘pacificazione’ oltre che su un dubbio perenne: dov’è il confine che separa i territori dell’ipocrisia da quelli della convivenza civile?
Pochi giorni fa ero in anticipo su un appuntamento e ne ho approfittato per un caffè in un bar. Al bancone un tizio mi squadra ben bene e mi fa: “Ma tu sei Pierluigi?”.
Ho imparato da un pezzo a considerare inutile l’imbarazzo nel non riconoscere una persona. Voglio dire, che male c’è a dire: “Guardi, mi spiace ma temo di non ricordare…”
Sì, ok, a volte qualcosa di male c’è. Non mi pareva questo il caso, ecco.
“Non mi riconosci, eh? Ma dai, sono A.C.”
Ah, sì. Facevo quarta ginnasio e lui seconda liceo: uno dei fighi della scuola. Come decisione immediata oltrepasso la linea che dalla buona creanza porta all’ipocrisia e dico un paio di frasi di circostanza, finchè non sento il termine ‘Bei Tempi Andati’.
Faccio dietro front abbandonando ipocrisialandia per tornare in territorio ‘buona educazione e convenenza civile’. Con una certa fermezza, per far capire ad A.C. che io e lui non abbiamo in comune alcun ‘Bel Tempo Andato’.
Sarà che col tempo sono diventato un po’ tignoso, forse troppo, ma il fatto che tutto scorra non vuol dire che lo faccia liscio come l’acqua sul marmo. Ricordo con estrema, graffiante chiarezza le merendine rubate, gli spintoni, i buffetti in faccia dati davanti a tutti nello spogliatoio della palestra. E mi si creda, il vedere A.C. adesso sovrappeso e quasi calvo non mi reca alcuna gioia. Non è questo. Da primino cercavo di evitarlo il più possibile perchè sapevo che lui e i tuoi amici davano la caccia a me e a quelli come me mentre un numero imprecisato di ragazzine sghignazzavano a ogni spintone, a ogni merendina rubata, a ogni sfottò.
Se avessi fatto finta di niente avrei fatto un torto a quel pezzettino di primino che è ancora dentro di me, circondato dai miei 42 anni.
Percui il caffè bevitelo da solo.

P.S. Nell’andarmene gli ho solo detto (mentendo) che mi spiaceva per lui se i bei tempi erano andati. I miei sono venuti dopo, e ancora me ne resta attaccato qualcuno.

CC BY-NC-ND 4.0 Caffè corretto pacificazione [Ovvero che ci faccio qui con te?] by Collateralmente is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

1 pensato per “Caffè corretto pacificazione [Ovvero che ci faccio qui con te?]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.