Blog

Bangla

Phaim (P. Bhuyan) è nato a Roma, vive con la sua famiglia di origini bengalesi (papà, mamma e sorella in procinto di sposarsi) nel quartiere di Torpignattara. Lavora in un museo, suona con un gruppo di amici e vive immerso nella multiculturalità della periferia romana. Ha un problema a relazionarsi con le ragazze e la cosa lo fa soffrire molto. Quando incontra Asia (C. Antonelli) rimane folgorato: è amore a prima vista per lui, ma c’è più di un problema, in primis i precetti dell’Islam: castità prima del matrimonio. Ma a 22 anni come si fa a rispettarlo?

Phaim Bhuyan esordisce sul grande schermo, con un piccolo film che dirige, interpreta e scrive (con Vanessa Picciarelli). E’ una scommessa vinta, perchè ha il pregio della leggerezza e dell’ironia (il tormentone sui vecchi e sugli hipster), delle divagazioni oniriche spassose, una colonna sonora funzionale. Phaim è di una tenerezza clamorosa, quando sgrana gli occhi in situazioni surreali, con malcelato imbarazzo e adorabile goffaggine. Una commedia in salsa romanesca (che lancia una stoccata alla politica, nel pranzo con il padre di Asia), che è una boccata di ossigeno di questi tempi.

A proposito di bengalesi in Italia, che sono quasi 140mila, date un occhio a questi dati.

Tanti auguri al giovane esordiente, se li merita con tutto il cuore!

CC BY-NC-ND 4.0 Bangla by Collateralmente is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

1 pensato per “Bangla

  1. Ho avuto l’onore di vederlo in anteprima quando è stato resentato alla stampa (quando una conosce persone “importanti” ha questo privilegio.) e ne sono rimasta folgorata. Dopo la tua recensione lo riguarderò con piacere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.