Blog

La Domanda

Qualche tempo fa ho incontrato per puro caso una persona che non vedevo da quando avevo 17 anni; eravamo stati insieme per qualcosa come due giorni: un bacio a una festa, un bacio il giorno dopo e poi stop.

Per dire che non è stata una cosa irresistibile, diciamo: né per me né per lei. 

Ciò detto ci ritroviamo come momentanei, fortuiti compagni di caffè ad un bancone in uno dei caffè del centro di Torino, ci riconosciamo, ci salutiamo e intavoliamo uno di quei dialoghi impacciati le cui pause sono un ‘E adesso che dico?’.

Insomma lei vive in un’altra regione ed è venuta a trovare la mamma che blablabla, è sposata e ha due figlie che blablabla.

Quando è il mio turno dico che faccio questo, quello, quell’altro, sono sposato e ho una figlia e blablabla.

Fila tutto liscio, perché tutti e due ricordiamo che mille anni fa le nostre vite hanno provato ad intrecciarsi e di comune accordo hanno convenuto di lasciare perdere subito: in pratica ricordiamo che non c’è nulla da ricordare.

Poi se ne esce con questa cosa fuori contesto, che sembra normale ma non lo è; mi fa questa domanda proprio mentre ci stiamo per salutare.

“Sei felice, comunque?”

Mica “Stai bene, comunque?”. Mica “Te la cavi, comunque?”

È una di quelle robe che manco a dirlo mi manda in crisi, mi costringe e farci su dei pensieri, mi ci trascina dentro.

Felice. Felice è un parolone, è una cosa grossa. No? Mi ha chiesto se ero felice in quel momento [ma il ‘comunque‘ stonerebbe ancor di più] o in generale? E come si fa a essere felici in generale? Chi lo è? La felicità è fatta di attimi, credo.

E poi perché il ‘comunque’? Si può essere felici comunque? Comunque cosa? Sei felice e basta, non comunque.

Me lo ha chiesto come fosse “Che cosa prendi per tornare a casa? Il 15 o il 68?”. Cioè, non so se per lei questa domanda avesse un peso specifico; ad ogni buon conto sono stato sul vago: voglio dire, è una domanda molto personale.

“E tu sei felice?” [No, ‘comunque‘ non l’ho detto]

“Sìssì”

Due ‘sì’, nientemeno: quindi felicissima. A guardarla non pareva, comunque.

Tutto qui.

E voi? Siete felici voi?

______________________________________________________________________________________________________________________________

 

[Ho scritto questo post ascoltando Norah Jones]

 

CC BY-NC-ND 4.0 La Domanda by Collateralmente is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

2 pensieri su “La Domanda

  1. Eh, ma il “comunque” é un po’ a dire “va bene, dai. ci siamo raccontati la rava e la fava, ma alla fine, tirando le somme, é andata bene?” Lo uso anch’io. Anche perché SO che é una domanda che spiazza un po’. (sissí!). Io? Io si (uno solo, ma bello pieno). Ma per me la felicitá non é fatta di attimi. La contentezza é un attimo. La felicitá é tirare le somme. Piú difficile da mettere insieme, ma piú resistente, comunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.