Herzog

Rarissimamente mi è successo di non volere che un libro finisse; meno di una decina di volte. Quella sensazione strana, quel desiderio di prolungare una lettura assoluta, consapevole, meditata, concentratissima. Mi è successo con Hemingway, con Steinbeck, con Tolstoj,…

Vai avanti