Bangla

Phaim (P. Bhuyan) è nato a Roma, vive con la sua famiglia di origini bengalesi (papà, mamma e sorella in procinto di sposarsi) nel quartiere di Torpignattara. Lavora in un museo, suona con un gruppo di amici e vive immerso nella multiculturalità della periferia romana. Ha un problema a relazionarsi con le ragazze e la cosa lo fa soffrire molto. Quando incontra Asia (C. Antonelli) rimane folgorato: è amore a prima vista per lui, ma c’è più di un problema, in primis i precetti dell’Islam: castità prima del matrimonio. Ma a 22 anni come si fa a rispettarlo?

Phaim Bhuyan esordisce sul grande schermo, con un piccolo film che dirige, interpreta e scrive (con Vanessa Picciarelli). E’ una scommessa vinta, perchè ha il pregio della leggerezza e dell’ironia (il tormentone sui vecchi e sugli hipster), delle divagazioni oniriche spassose, una colonna sonora funzionale. Phaim è di una tenerezza clamorosa, quando sgrana gli occhi in situazioni surreali, con malcelato imbarazzo e adorabile goffaggine. Una commedia in salsa romanesca (che lancia una stoccata alla politica, nel pranzo con il padre di Asia), che è una boccata di ossigeno di questi tempi.

A proposito di bengalesi in Italia, che sono quasi 140mila, date un occhio a questi dati.

Tanti auguri al giovane esordiente, se li merita con tutto il cuore!

FacebooktwittermailFacebooktwittermailby feather

CC BY-NC-ND 4.0 Bangla by CollateralMente is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

One Comment

  1. Ho avuto l’onore di vederlo in anteprima quando è stato resentato alla stampa (quando una conosce persone “importanti” ha questo privilegio.) e ne sono rimasta folgorata. Dopo la tua recensione lo riguarderò con piacere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.