The Holdovers

Dicembre 1970, New England. Alla Barton Academy si avvicinano le vacanze natalizie, tutti sono pronti a partire, o quasi. C’è sempre, infatti, qualche studente che è costretto a rimanere in sede e ci vuole un docente che rimanga a “sorvegliare” la situazione. Quest’anno tocca a Paul Hunham (P. Giamatti), professore di lettere classiche, mal visto dagli allievi per la sua severità, ma nemmeno troppo amato dai colleghi, per i suoi modi burberi e solitari. All’inizio sembra che gli studenti debbano essere cinque, tra cui Angus (D. Sessa), giovane brillante, ma dallo spirito ribelle.

Per una serie di circostanze, qualche giorno prima di Natale, rimarranno solo Hunham e Angus, cui va aggiunta la cuoca della mensa Mary (D. Joy Randolph). Questo strano terzetto si troverà a passare giorni di isolamento insieme, nelle prime fasi dei quali il conflitto tra docente e studente sarà palese, soprattutto per quella che Angus considera una punizione inflittagli dalla madre: restare lì da solo e non tornare a casa per le feste. Col passare dei giorni, il rapporto evolverà, capace di rivelare inaspettate e intime confidenze e condivisioni di qualche dolore, mai passato del tutto, anche per la cuoca Mary.

Alexander Payne, quasi vent’anni dopo “Sideways” (il film che gli fece vincere un Oscar per la sceneggiatura), ritrova Paul Giamatti protagonista e firma una commedia dolceamara deliziosa. Affronta tanti temi: il dolore, il lutto e la sua elaborazione, le figure paterne, la solitudine, l’amicizia, la crescita, le aspettative degli adulti sui giovani, le ansie che queste producono. Piccolo romanzo di formazione, ha nel suo trio di interpreti uno dei punti di forza: bravissimo Giamatti, con il suo sguardo sbilenco, e la Joy Randolph non gli è da meno: entrambi premiati ai Golden Globes e nominati agli Oscar. L’esordiente Dominic Sessa è una bella rivelazione, da tenere d’occhio.

Se riuscite non mancatelo, è una piccola perla, meglio se in lingua originale!

CC BY-NC-ND 4.0 The Holdovers by Collateralmente is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.